Pistoiese-poliambulatorio
Sito Misericordia di Pistoia

Misericordia
di Pistoia


Scarica l'app ufficiale della Misericordia di PistoiaScarica l'app ufficiale della Misericordia di Pistoia

 
Presso il Poliambulatorio si possono effettuare i PRELIEVI sia in convenzione con il S.S.N. che a pagamento. ORARIO: tutti i giorni dal LUNEDI' al SABATO compresi dalle ORE 7,00 alle ORE 10,00 e senza appuntamento. Per i prelievi al di fuori dell'orario indicato è necessario contattare preventivamente il Laboratorio al n. tel. 0573.505221....
....Presso il Poliambulatorio si possono effettuare i PRELIEVI sia in convenzione con il S.S.N. che a pagamento. ORARIO: tutti i giorni dal LUNEDI' al SABATO compresi dalle ORE 7,00 alle ORE 10,00 e senza appuntamento. Per i prelievi al di fuori dell'orario indicato è necessario contattare preventivamente il Laboratorio al n. tel. 0573.505221....CLICCA QUI PER VISUALIZZARE L'INDIRIZZO.....

Nuovo Servizio Della Misericordia (DSA) Disturbo Specifico dell'Apprendimento

DISLESSIA: DI COSA SI TRATTA.. visualizza la presentazione: clicca qui

La dislessia evolutiva è un disturbo specifico dell'apprendimento (DSA) di origine neurobiologica. Il termine dislessia è impiegato per descrivere un insieme diversificato di difficoltà d'apprendimento che riguardano la lettura (dislessia), la scrittura (disortografia e disgrafia) e il calcolo (discalculia).

La dislessia è un disturbo specifico, poiché interessa uno specifico dominio di abilità (lettura, scrittura, calcolo) in modo circoscritto, lasciando intatto il funzionamento intellettivo generale. Il dislessico è una persona che impara in maniera diversa,  ha un'organizzazione mentale particolare che  può portarlo a difficoltà , ma   talvolta portare anche qualità speciali di immaginazione e creatività. Alla base dei problemi di lettura, scrittura o calcolo, non c'è dunque un deficit intellettivo o un qualche problema ambientale o psicologico.

 

QUANTO È DIFFUSO IL PROBLEMA?

Gli alunni in difficoltà di apprendimento nella scuola riguardano  una grossa fetta della popolazione scolastica italiana su circa il 20% almeno un 3-4%  di essi presenta un DSA.  Si stima che venga  mediamente accertato quasi  1  ragazzo ogni 25 alunni.

Molti casi sono “lievi” e non vengono identificati tempestivamente.Spesso i casi misconosciuti si complicano con disturbi emozionali e comportamentali, insorgendo come conseguenza del problema che  in un mondo di istruzione obbligatoria è molto penalizzante. Nel 60% dei casi i DSA non sono isolati e si associano fin dall’inizio a disturbi dell’attenzione, della condotta e psicopatologici.

Per le proprie caratteristiche, lo studente dislessico ha bisogno di una modalità di apprendimento e di valutazione specifica,  personalizzata, oltre che flessibile; in grado di garantire il pieno apprendimento in termini di conoscenze e competenze. In sintonia con le recenti disposizioni di legge, in specifico la legge 8 ottobre 2010, n. 170.

L’IMPORTANZA DELLA DIAGNOSI PRECOCE

Oggi è condivisa l’importanza della tempestività della diagnosi e della precocità dell’intervento.   Il mancato o tardivo riconoscimento di un DSA  può manifestarsi con vissuti di inadeguatezza e frustrazione, conflitti emotivi, disinvestimento progressivo nell’esperienza scolastica.

Numerose sono le ripercussioni psicologiche e sociali legate alla dislessia : bassa autostima, un sentimento di inadeguatezza, la tendenza ad esprimere la frustrazione attraverso l'aggressività ed il bullismo.

I soggetti che presentano Dsa sono più portati all'abbandono scolastico e hanno più difficoltà anche nel mondo del lavoro.

E' fondamentale che  si possa intervenire il prima possibile in modo da poter limitare i danni.

L'intervento precoce rappresenta l'arma più efficace, per evitare che tali difficoltà di apprendimento  possano portare  problemi di tipo comportamentale e difficoltà nelle relazioni sociali a scuola ed in famiglia.

LA DIAGNOSI NECESSITA DI UNA EQUIPE MULTIDISCIPLINARE
La valutazione e la diagnosi di Disturbo Specifico dell’Apprendimento e dei disturbi più spesso compresenti (disturbi del linguaggio, dell’attenzione e dell’iperattività, della coordinazione motoria, psicopatologici e altri), si sviluppano in un percorso che necessita di competenze altamente specialistiche, coordinate tra loro, Psicologo, Neuropsichiatra, Logopedista. In particolare, è necessaria la somministrazione di test atti ad indagare non solo le abilità strumentali di lettura, scrittura e calcolo, ma anche la funzionalità dei processi cognitivi (intelligenza generale, memoria, attenzione, linguaggio, percezione e abilità prassiche).

DIAGNOSI IN TOSCANA

La diagnosi nella legge 170/10 art. 3, comma 1 definisce che "la diagnosi dei dsa è effettuata nell’ambito dei trattamenti specialistici già assicurati dal servizio sanitario nazionale a legislazione vigente ed è comunicata dalla famiglia alla scuola di appartenenza dello studente. Le regioni nel cui territorio non sia possibile effettuare la diagnosi nell’ambito dei trattamenti specialistici erogati dal servizio sanitario nazionale possono prevedere, nei limiti delle risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente, che la medesima diagnosi sia effettuata da specialisti o strutture accreditate."

Sembrerebbe tutto molto chiaro, ma nella pratica è molto più complesso perchè le incombenze maggiori sono tutte  a carico del cittadino, in questo percorso le famiglie e gli alunni  si vengono a trovare di fronte a molti  ostacoli soprattutto   in merito ai tempi del rilascio delle certificazioni  presso le ASL territoriali  perchè i servizi sono oberati dalle numerose richieste. A fronte di carenza di personale  si sono generate lunghe liste di attesa  che vanno da sei mesi anche ad oltre un anno per il primo  appuntamento,  spostando talvolta  in maniera  determinante la possibilità  da parte degli alunni di usufruire nella scuola dei benefici di legge e  compromettendo seriamente  i diritti dei minori. Inoltre le certificazioni rilasciate dai liberi professionisti non  possono essere valide per la scuola  come  prima della legge  perchè devono appartenere ad   enti accreditati dalla regione toscana, unici deputati dalle Linee Guida regionali  a  svolgere  lo stesso ruolo dell'ASL. Risulta inoltre   un vuoto istituzionale sull'intervento riabilitativo, poiché le  ASL  secondo le Linee Guida della Regione Toscana  sono autorizzate solo alla diagnosi , mentre invece l'intervento è circoscritto solo ai casi più complessi. La maggioranza dei bambini con DSA resterebbe perciò, nella cura,  a carico delle famiglie e della scuola.

LA RISPOSTA DELLA MISERICORDIA ALLE NECESSITÀ DELLA PROVINCIA DI PISTOIA

Al fine di  venire incontro alle famiglie del  territorio  pistoiese  che desiderano accorciare i tempi del rilascio delle certificazione per i loro figli ,  e   consentire un idoneo trattamento  nei tempi in cui    la  riabilitazione è più efficace  (entro i nove anni) la Misericordia  di Pistoia fra breve  attiverà un servizio  per il rilascio delle certificazioni  dei DSA, garantendo qualità  e tempi rapidi , tramite  un 'equipe multidisciplinare  composta da neuropsichiatra infantile, psicologo e logopedista coordinata dalla Dott.ssa Emanuela Martini, che lavora ormai da anni nel settore dei disturbi dell'apprendimento  con note competenze professionali.

Il servizio ha recentemente ha ricevuto l'accreditamento della Regione Toscana, secondo i criteri normativi previsti e , e successivamente l'iscrizione nell'Albo regionale delle strutture Accreditate a rilasciare la diagnosi di DSA. Prossimamente sarà  presentato a tutte le scuole di ogni ordine e grado e a tutte le istituzioni interessate  per dare l'avvio ad  un luogo professionale  che abbia  effettivamente titolo di  efficacia  nel  rilasciare  un servizio  e sia riconosciuto dalle norme vigenti in materia di DSA.

Per informazioni/prenotazioni: tel. 0573.505250 email: poliambulatorio@misericordia.pistoia.it



VENERABILE ARCICONFRATERNITA MISERICORDIA DI PISTOIA VIA DEL CAN BIANCO 35, 51100 PISTOIA TEL. 0573/5050 - CODICE FISCALE 00106890478